fbpx

Bambino inappetente: quali sono le cause e come comportarsi

Bambino inappetente: quali sono le cause e come comportarsi

Bambino inappetente: quali sono le cause e come comportarsi

Bambino inappetente: cosa possono fare i genitori?

Cosa fare se il tuo bambino o la tua bambina è inappetente, non mangia o mangia troppo poco?

Molti genitori si trovano in questa situazione: ne parliamo con la nutrizionista, dottoressa Francesca Colavito.

“Il bambino è inappetente” o “Il nostro bambino non mangia” sono frasi che sento spesso pronunciare in studio e negli ambulatori pediatrici da genitori preoccupati che il loro bambino non mangi abbastanza.

Inappetenza significa mancanza o riduzione dell’appetito, ed è una fase transitoria nella quale il bambino rifiuta il cibo che gli viene offerto generando ansie e dubbi nei genitori.

Innanzitutto è fondamentale comprendere che il vostro piccolo non deve mangiare per Voi, ma per sé stesso, non deve mangiare per farvi piacere, ma perché è una necessità vitale. Può essere frustante il suo rifiuto, ma non confondiamo amore con educazione, e cibo con affetto. Imparare a mangiare è, appunto, un processo di apprendimento e ci vuole tempo, dedizione e non sempre è uguale per tutti i bambini.

Quali sono i sintomi del bambino inappetente? Come comportarsi?

I sintomi dell’inappetenza nel bambino sono facili da riconoscere:

  • Il piccolo mangia pochissimo, non fa pasti completi ma tanti piccoli spuntini durante la giornata

Cosa fare per il bambino inappetente?

Se il vostro bambino è sano, cresce normalmente e continua a mostrarsi vivace, non vi è alcun motivo di condizionarlo con aspettative che non può comprendere, pertanto concedetegli di mangiare secondo le sue necessità e non secondo una tabella di calorie.

inappettenza nel bambino di 2 anni

Cosa non fare se il bambino è inappetente?

Capita spesso di sentir dire dai genitori che i bambini vengono imboccati distraendoli con cartoni animati, tablet, smartphone, o inseguiti con un cucchiaio in mano per tutta casa; sono tutti comportamenti errati!

I motivi dell’inappetenza nel bambino.

Diversi possono essere i motivi che rendono il vostro bambino inappetente, e non sempre deve essere fonte di preoccupazione perché in alcune circostanze è normale che i vostri bambini mostrino un calo dell’appetito o si rifiutino di mangiare alimenti con alcune consistenze, per esempio in caso di:

  • Mal di gola, febbre;
  • Infezioni delle vie urinarie;
  • Diarrea e virus intestinali;
  • Allergia alle proteine del latte vaccino e all’uovo;
  • Comparsa dei primi denti;

In questi casi ci saranno variazioni nell’appetito del bambino conseguenti alla sua situazione fisica, e la condizione sarà transitoria.

Il ruolo dell’ambiente nell’inappetenza del bambino

Anche l’ambiente in cui il vostro piccolo cresce svolge un ruolo fondamentale sullo sviluppo del comportamento alimentare.

L’abitudine a consumare pasti fuori casa da parte di Voi genitori può influenzare l’appetito dei bambini, così come la confusione, tranquillità, regolarità e il rispetto degli orari, e la presentazione e temperatura del piatto. Tutti questi sono fattori che possono in maniera diversa influenzare l’assunzione qualitativa e quantitativa del cibo;

Bisogno di attenzione. L’inappetenza potrebbe essere solo un modo di comunicare a mamma e a papà una situazione di disagio. Ciò che è bene tenere a mente è che ogni cosa ha il suo tempo: ci si può trovare semplicemente un bambino che ha poco appetito, o che ha bisogno di mangiare poco, oppure che non è ancora pronto per quel dato alimento, per quel momento conviviale, per il distacco dai rituali che lo legano alla mamma attraverso l’allattamento.

Cosa fare se il bambino non mangia? E cosa non fare?

Esistono diverse soluzioni se il bambino non mangia e quali comportamenti invece che è consigliabile evitare

  • Evitate frasi che possono confondere il bambino come ad esempio “se mangi tutto, a fine pasto avrai la cioccolata” o “se non mangi significa che non mi vuoi bene”, sono frasi che non aiutano ma al contrario generano stress
  • Non portate in tavola il cibo già tagliato o sminuzzato, il piatto deve avere un bell’aspetto, Evitate di presentare porzioni eccessive e troppo elaborate
  • È importante proporre a tavola tutti gli alimenti, senza limitarsi ai soli cibi che il vostro piccolo mangia volentieri
  • Mangiare insieme in famiglia o con la presenza di altri invitati per aiutare il vostro bambino a considerare il pranzo e la cena come un momento di convivialità,
  • Cucinate insieme ai vostri bambini per favorire la curiosità e per avvicinare i più piccoli alla cucina e ai cibi senza nervosismi e tensioni.

Se anche di fronte a questi suggerimenti non ottenete miglioramenti, è consigliabile consultare un esperto di nutrizione o il vostro pediatra.

Il tuo bambino non mangia? Il tuo bambino rifiuta il cibo? Mangia troppo o troppo poco? Oppure mangia solo alcuni cibi e ne rifiuta categoricamente altri? Fatichi a capire quali siano le abitudini alimentari corrette per la tua famiglia? Vuoi creare un menu settimanale sano e a regola d’arte per i tuoi bambini?  Se hai dubbi o domande rivolgiti ad un esperto della nutrizione pediatrica come la nutrizionista Francesca Colavito

SCARICA SOSPEDIATRA

Trova subito un pediatra privato vicino a te per una visita a domicilio.

IOS ANDROID
Icona 1

PEDIATRA ONLINE

Icona 2

PEDIATRA A DOMICILIO

Icona 3

VIDEO CORSI