fbpx

Morbillo

Morbillo

Morbillo

CHE COS’È IL MORBILLO?

Il morbillo è una malattia esantematica tipica dell’infanzia, molto contagiosa, causata da un virus del genere morbillivirus che si trasmette per via aerea o per contatto, ed il periodo in cui si verifica più spesso è tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera.
La durata della malattia è di 10 – 20 giorni.

Il morbillo è preceduto da una fase sintomatologica caratterizzata da febbre e malessere e dai sintomi tipici del raffreddamento (fastidio agli occhi, rinite…), mentre solo in un secondo momento si verifica l’esantema.
Se il bambino è molto piccolo i sintomi possono essere più marcati.
Molto spesso, purtroppo, è difficile evitare il contagio ad altre persone perché l’esantema che lo rende riconoscibile, appunto, non compare subito, insieme ai primi sintomi di febbricola e malessere.

Prima che sul corpo del tuo bambino compaiano le macchie del morbillo, il piccolo generalmente presenterà i sintomi di un forte raffreddore, come mal di gola, tosse, starnuti, occhi rossi e gonfi, sensibilità alla luce, e all’interno delle guance del bambino possono manifestarsi piccole macchie bianche. Durante la malattia la febbre potrebbe essere anche molto alta (può superare i 39-40 °C).
L’esantema compare solo in un momento successivo: le piccole macchie rossastre si presentano prima sul volto (fronte e zona dietro le orecchie), poi sul resto del corpo, dal collo, al tronco, alle braccia e alle gambe.
In genere l’esantema è accompagnato da prurito.
Dopo 2-3 giorni dalla comparsa dell’esantema, la febbre inizierà a calare e le macchie spariranno nel giro di una settimana. Dopo la scomparsa delle macchie la pelle potrà essere secca e leggermente desquamata.

Non esiste un farmaco in grado di sconfiggere il virus, ma esso può essere prevenuto attraverso la vaccinazione.

COSA È CONSIGLIATO FARE IN CASO DI MORBILLO?

Riposo e idratazione sono le due indicazioni primarie: il bambino deve riposare ed avere l’idratazione adeguata, mentre se mostra inappetenza non è consigliato forzarlo a mangiare.
Può essere somministrato paracetamolo per alleviare febbre e malessere.
Se il bambino presenta un forte prurito può essere utile sentire il pediatra per la somministrazione di un antistaminico.
Tenere la cute pulita e idratata.

IN QUALI CASI È CONSIGLIATA LA VISITA DEL PEDIATRA?

Se il bambino è sano e non ha altre malattie o patologie in corso supererà la malattia spontaneamente senza complicazioni.
Tuttavia si consiglia di farlo visitare da un pediatra il prima possibile se:

  • Lamenta male alle orecchie (una o entrambe)
  • La tosse persiste e non migliora
  • Il bambino ha mal di testa costante
  • Si presentano vomito o diarrea

SCARICA SOSPEDIATRA

Trova subito un pediatra privato vicino a te per una visita a domicilio.

IOS ANDROID
Icona 1

PEDIATRA ONLINE

Icona 2

PEDIATRA A DOMICILIO

Icona 3

VIDEO CORSI